lanostraterra1
lanostraterra2

Lumacamente sorge nel comune di Sarconi in provincia di Potenza.

Anticamente conosciuta con il nome di Lucania, la Basilicata è una regione con un immenso patrimonio naturalistico che fa della nostra Regione il fiore all’occhiello del Meridione italiano. Undici le aree protette, di cui due parchi nazionali, il Pollino e la Val d’Agri, che regalano esperienze uniche al turista che esige relax e al contempo aria salubre e panorami mozzafiato. Ricca di folklore e tradizioni, la Basilicata vanta un ingente patrimonio storico, artistico e culturale, ottiene oggi un importante slancio grazie all’attribuzione a Matera, Capoluogo di Provincia, dell’ambito riconoscimento Capitale Europea della Cultura per il 2019, già patrimonio dell’Unesco dal 1993 per i famosi Sassi, fonte d’ispirazione per cineasti e registi di fama nazionale e internazionale.

Fa da cornice all’Azienda Agricola Lumacamente la meravigliosa Val d’Agri area storico artistica, nota per essere la culla della “Piccola Pompei”, appellativo con cui è conosciuto il comune di Grumento Nova, sede di un’incantevole area archeologica.  La Val d’Agri, inoltre, offre possibilità di turismo naturalistico con i suoi percorsi naturali e possibilità di escursioni in sci, trekking, visite guidate alla scoperta di luoghi incontaminati.

Sarconi fu un sobborgo dell’insediamento romano di Grumentum con cui ebbe un’intensa attività commerciale, soprattutto in campo agrario, grazie alla ricchezza dei suoi terreni. La fecondità di queste terre è dovuta alla posizione di Sarconi tra i due fiumi, Maglia e Sciàura, che la fanno somigliare ad una Minimesopotamia. Lo stretto legame tra Sarconi e Grumentum è dimostrato anche dai resti di un acquedotto che univa i due centri. In epoca feudale fu dominata da diversi signori vivendo alterne fortune, nel 1806 fu invece teatro di una spietata repressione dei francesi perché era diventata capitale della resistenza anti-francese in Val d’Agri. Nel 1857 anche Sarconi subì dei danni a causa di un terribile terremoto. Durante il risorgimento italiano nel 1860 molti abitanti aderirono ai moti risorgimentali issando il vessillo carbonaro, combattendo al fianco di Giuseppe Garibaldi.

La nostra terra ultima modifica: 2015-08-10T21:21:36+00:00 da superadmiral